Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Settembre, 2017

Recensione | "Il labirinto degli spiriti" di Carlos Ruiz Zafon

Buon pomeriggio lettori..
Oggi vi propongo un'altra lettura che mi ha tenuto compagnia durante l'estate, praticamente mi ha accompagnata per tutto Agosto, vista la mole del libro e considerato il periodo di vacanza. Si tratta del volume che conclude la saga de "Il cimitero dei libri dimenticati" di Carlos Ruiz Zafon, ovvero Il labirinto degli spiriti.


IL LABIRINTO DEGLI SPIRITI
Carlos Ruiz Zafòn

Editore: Mondadori
€ 20,00; pag. 832

Sinossi








"Una storia non ha principio nè fine,  soltanto porte d'ingresso.  Una storia è un labirinto infinito di parole,  immagini ed energie riunite  per svelarci la verità invisibile su noi stessi."
Dopo dodici anni dall'esordio de "L'ombra del vento" (qui la mia recensione) e i due libri che lo seguono, Zafon torna per mettere il punto alla saga che ha appassionato milioni di lettori in tutto il mondo "Il cimitero dei libri dimenticati". Io non ho dovuto patire questa lunga attesa perchè ho letto l'inter…

Recensione "Il giardino dei Finzi-Contini" di Giorgio Bassani

Buon giorno lettori.. 
Con Settembre appena iniziato, ritorna la voglia di scrivere, condividere, leggere. 
Da qualche giorno, giro per la blogosfera a leggere delle vostre letture e cercare spunti per le mie future. Non che mi mancano libri in casa da leggere, ma le novità sono sempre una tentazione ;) Purtroppo per me, una bellissima esperienza lavorativa sta per giungere al termine, non oso immaginare il vuoto che mi lascerà dentro.. Spero di trovare sollievo girovagando fra i blog e condividendo le mie letture con voi, considerando il tanto tempo libero che mi aspetterà a breve. Oggi, comincio da una lettura che mi ha fatto compagnia durante l'estate. Si tratta di un classico della narrativa italiana del 900, Il giardino dei Finzi-Contini di Giorgio Bassani. 


Scheda Libro

"La mia ansia che il presente  diventasse subito passato,  perchè potessi amarlo e  vagheggiarlo a mio agio,  era anche sua, tale e quale.  Era il nostro vizio, questo:  d'andare avanti con la testa  sempre rivol…