Recensione | "Bagliori nel buio" di Maria Teresa Steri

Buon pomeriggio lettori.. come state? Io bene, a parte il freddo che non mi fa venir voglia di fare nulla.. a parte leggere ;) Ma veniamo a noi..
Oggi vi parlo di un libro che mi è stato gentilmente inviato dall'autrice stessa, Maria Teresa, che è anche una blogger. Per chi volesse visitare il suo blog, vi lascio il link "Anima di carta". 


Titolo: Bagliori nel buio
Autore: Maria Teresa Steri
Formato: E-book
Numero di pagine: 362
Prezzo e-book: € 1,99
Prezzo cartaceo: € 12,50
Venduto da: Amazon










L'autrice.
Maria Teresa Steri è nata nel 1969 e cresciuta a Gaeta. Dopo la laurea in Lettere e Filosofia si è trasferita a Roma, dove vive attualmente con il marito. Ha collaborato come giornalista pubblicista nella redazione di quotidiani e riviste per la scrittura di articoli, la revisione di testi e l’impaginazione. Cura il blog “Anima di carta” dedicato a chi ama scrivere e leggere. Si interessa di scrittura creativa e antroposofia. Ha pubblicato nel 2009 il suo primo romanzo “I Custodi del Destino”, un thriller basato sull’idea della reincarnazione. “Bagliori nel buio” è il suo secondo romanzo.

Trama.
Disoccupata e intrappolata in una relazione sentimentale senza futuro, Elena vive sospesa tra passato e presente. Non passa giorno senza pensare all’uomo conosciuto due anni prima su Internet, consumata dal senso di colpa per aver provocato la sua morte. Interessarsi di fenomeni paranormali sembrava solo un passatempo innocente, ma ora il terrore che la polizia venga ad arrestarla non le dà tregua. E per riappropriarsi della sua vita non le resta che tornare là dove tutto è iniziato e provare a far luce sull’accaduto. Chi era davvero quell’uomo? Quale mistero nasconde il Pozzo del Corvo, dov’è avvenuta la sua morte? E quanto sono fondate le voci che parlano di presenze soprannaturali? 
Man mano che la verità viene a galla, un incubo ancora più grande si delinea all’orizzonte, costringendola a fare i conti con le sue paure e ad affrontare nemici che non sospettava di avere. 


"- Questo posto è unico al mondo, 
si dice che ingoi i corpi e restituisca le anime - Disse Rino. 
-Il confine con il regno degli spiriti qui è sottilissimo.
Loro sono intorno a noi e si manifestano come
fugaci bagliori nel buio -"

Quando Maria Teresa mi ha mandato i dati relativi al suo romanzo, ho letto la trama e ne sono stata subito incuriosita. Ultimamente mi sento affascinata dalle storie che trattano il paranormale, il soprannaturale, luoghi infestati, apparizioni, e chi più ne ha, più ne metta. Maria Teresa ha intuito questo mio interesse e ha ben pensato di propormi il suo romanzo.. e ha fatto benissimo, perchè mi ha totalmente conquistata! Questo mio interesse letterario è recente per cui devo ammettere che non ho tantissimi metri di paragone, ho letto pochi libri su questo argomento, ma finora questi pochi libri non mi avevano catturata abbastanza, ero sempre rimasta un pò delusa da come venivano presentati i caratteri relativi al soprannaturale.. Per intenderci, se leggo un libro che parla di fantasmi, voglio avere paura a stare al buio e avere difficoltà a dormire la notte, dopo la lettura.. Non sono pazza eh, ma in questi casi significa che l'autore è riuscito a far immedesimare il lettore nella storia narrata e che gli elementi rappresentati sono stati abbastanza ben descritti da suscitare forti emozioni come l'ansia, l'inquietudine, l'angoscia. Ecco, è questo che io mi aspetto di provare e trovare nei libri che trattano queste tematiche, ed è esattamente ciò che ho provato e trovano in questo romanzo. 

L'autrice è stata davvero brava a descrivere i luoghi, in particolare il Pozzo del corvo, protagonisti di questa storia. L'ambiente descritto, il clima, i personaggi, la maggior parte parecchio strambi e inquietanti, richiamano subito alla mente le immagini di un luogo oscuro, che affascina ma allo stesso tempo incute timore, ma proprio il tipo di timore che spinge le persone a sfidare le superstizioni e le leggende, andando a verificare in prima persona alla fonte, per scoprire che in realtà di leggendario c'è ben poco, mentre il mistero si fa sempre più fitto.
Mi è piaciuto tantissimo il modo in cui sono stati descritti i personaggi e le loro emozioni e sensazioni. Ho "sudato freddo" insieme ad Elena, ho provare l'inquietudine e l'orrore che lei stessa ha provato di fronte scene davvero "raccapriccianti", ho sussultato per ogni rumore o visione appena accennata di cui Elena è stata protagonista. Ho apprezzato moltissimo il modo in cui sono stati narrati i fatti, con flashback che piano piano svelano gli eventi che hanno colpito e distrutto la vita della nostra protagonista. Mi è piaciuto tantissimo il modo in cui ogni personaggio presentato, dai protagonisti, ai più secondari, avessero un ruolo ben preciso nella storia e fossero tutti intrecciati fra loro.
Si arriverà a dubitare di tutti, a non fidarsi nemmeno di se stessi, a vedere complotti dietro ogni azione o parola. Tutto il romanzo mi ha portato a riflettere su quanto poco conosciamo le persone che ci stanno accanto. Cosa sappiamo davvero di loro? Siamo sicuri di conoscere i loro segreti più oscuri? Non sempre. Ci sono persone che riescono davvero bene a mascherare la loro vera natura e talvolta quelle persone sono le più impensabili.

Un'altro aspetto che ho trovato davvero piacevole è stato il modo in cui vengono presentate le apparizioni, non i soliti fantasmi, bensì delle "copie" la parte vitale di ognuno di noi. Questi vengono descritti proprio come dei "bagliori nel buio".
Mi è piaciuto il fatto che sono stati mescolati eventi della vicenda con leggende legate alla stregoneria e dicerie inerenti in luogo in cui è ambientata la vicenda. Questo ha reso il tutto molto "reale". Ci sono tantissimi colpi di scena che lasciano davvero a bocca aperta, il finale è davvero ottimo, nulla è lasciato al caso. Ogni cosa troverà la sua spiegazione, ogni comportamento o discorso dei personaggi ha un motivo ben preciso che verrà svelato, per cui non si avrà la sgradevole sensazione di chiudere il libro e avere delle questioni in sospeso. Cosa che odio particolarmente. Mi piace che alla fine di una storia, ogni mistero vi venga svelato e spiegato per bene, e questo è quello che accade nei capitoli finale di questo romanzo.

Un libro davvero ben scritto e formulato, un intreccio che fino all'ultimo non capirete bene dove andrà a parare, il giusto mistero e la giusta inquietudine che rende un thriller soprannaturale un ottimo compagno notturno (per i più temerari). Un ottimo romanzo che consiglio agli amanti del genere e a tutti coloro che vogliono provare un pò di brivido ;)

"Avevo come l'impressione di cogliere un riflesso con la coda dell'occhio,
 rapido e fugace, che però mi spaventava da morire. 
A volte provavo la sensazione di essere osservata, 
la consapevolezza di sapere che non ero sola in una stanza. 
Non ho mai realmente visto nulla di specifico, 
però so che c'era qualcosa."





Commenti

  1. Bagliori nel buio sará la mia prossima lettura e la tua recensione mi ha incuriosita molti!

    RispondiElimina
  2. Bagliori nel buio sará la mia prossima lettura e la tua recensione mi ha incuriosita molti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere.. attendo il tuo parere ;)

      Elimina
  3. Ti ringrazio davvero tanto per questa bellissima recensione e sono molto contenta che il romanzo ti sia piaciuto :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Maria Teresa e ancora complimenti :)

      Elimina
  4. Ottima la tua recensione Chocolate e molto intrigante il romanzo. Anch'io adoro i flashback, la trovo sempre una scelta azzeccata che fa tanto suspense. Complimenti anche all'autrice :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille cuore.. questo libro mi ha appassionata tantissimo.. te lo consiglio vivamente ;)

      Elimina

Posta un commento

Lettori fissi

Recensioni